Gommonauti che state per salpare per la Croazia quest’anno per voi c’è una novità. Prima di mollare gli ormeggi e lasciare l’Italia, infatti, dovete recarvi in un Ufficio di Frontiera della Polizia Marittima e farvi rilasciare uno speciale «permesso».

Se non lo fate e vi «pizzicano» siete passibili di una multa salata. Tutto ha origine da un provvedimento dell’Unione Europea risalente a marzo ed entrato in vigore in aprile, relativo all’inasprimento dei controlli dei confini per combattere il terrorismo internazionale.

In virtù di questa disposizione, tutte le frontiere esterne all’UE, sia in entrata sia in uscita, aeree, marittime e terrestri devono verificare i documenti dei cittadini e trasmetterle a un sistema di banche dati al fine di garantire la sicurezza dei cittadini da eventuali minacce.

La Croazia, lo ricordiamo, è nell’Unione Europea, ma non ha aderito al trattato di Schengen. Dunque munitevi dei documenti di tutte le persone a bordo, carta di identità o passaporto in corso di validità, e fate le fotocopie, poi andate presso gli Uffici di Frontiera della Polizia di Stato: non è competenza delle Capitanerie di Porto e non si può fare presso qualsiasi Commissariato di PS, bisogna recarsi proprio negli Uffici di Frontiera degli scali marittimi.

In alcuni casi, come a Grado il documento viene rilasciato anche dai Carabinieri, ma per essere sicuri meglio recarsi presso i predetti Uffici il giorno stesso della partenza o al massimo 24 ore prima (tanto dura il «permesso»).

Le carte verranno registrate, vi verrà rilasciato un foglio – redatto in duplice copia, una per l’Amministrazione, l’altro per voi – e potrete salpare.

E’ un disagio, lo comprendiamo, ma è una misura che conviene assecondare, perché tutti conosciamo il livello di rischio nei nostri Paesi attualmente e non certo per nostra volontà.

Va detto, infine, che la disposizione europea lascia facoltà di sveltire le pratiche qualora ai confini si verificassero ingorghi o situazioni di caos poco gestibili (si pensi alla frontiera terrestre Slovenia/Croazia in estate…).

Sul numero di luglio della Rivista Il Gommone, in edicola a fine mese, troverete maggiori informazioni sull’argomento.

Puoi leggere l’articolo Un documento in più per chi va in Croazia via mare su Il gommone.

Fonte