L’11 giugno del 2012 se ne andava dopo una lunga malattia, a soli 52 anni, Lorenzo Selva. La nautica italiana perse così una delle personalità più estrose e brillanti della sua storia.

Grandi capacità imprenditoriali, passione, coraggio, determinazione, schiettezza, saggezza e garbata irriverenza le qualità che il «suo» mondo gli ha sempre riconosciuto.

Qualità che gli sono valse anche importanti riconoscimenti internazionali come la presidenza dell’Icomia (l’organizzazione che rappresenta le principali federazioni nautiche nel mondo), per la prima volta assegnata a un italiano.

Lorenzo Selva, oltre ad essere stato Presidente e Amministratore Delegato di Selva Marine, ha ricoperto anche la carica di Vice Presidente di Ucina-Confindustria Nautica.

Ed è stato anche colui che ha introdotto in Italia il package dagli Stati Uniti. Se oggi conosciamo questa particolare formula di vendita si deve proprio a Selva Marine, anticipando di diversi anni la concorrenza.

Lorenzo Selva sognava che la nautica diventasse un fenomeno comune e diffuso anche in Italia, un sogno che l’ha accompagnato e indirizzato per tutta la vita.

Puoi leggere l’articolo Cinque anni fa ci lasciava Lorenzo Selva su Il gommone.

Fonte